Settori

Consumer Goods

Richiedi una demo
Le aziende di beni di consumo puntano a crescere, in un settore dove il servizio al cliente, le aspettative su prodotti e consegne sono sempre più determinanti. Il cambiamento dei modelli di acquisto alimenta il marketing multicanale e i programmi mirati ai consumatori. La ricerca del profitto ha generato nuovi prodotti e nuove configurazioni di prodotto, portafogli sempre più ampi, l’aumento della domanda a coda lunga e della volatilità della domanda. La sincronizzazione della domanda e l’ottimizzazione della supply chain, dal consumatore alla produzione, sono diventate più difficili.

Questo contesto ha portato alla creazione di portafogli di prodotti più vasti da gestire, a un aumentato rischio di obsolescenza e a una maggiore complessità nella pianificazione e nella previsione della domanda.

Le nuove configurazioni di prodotto e la domanda a coda lunga continuano ad aumentare l’errore previsionale. L’influenza dell’attività di “demand shaping” (media, promozioni, introduzione di nuovi prodotti…), e l’impatto di Internet sul modello di acquisto complicano il quadro.Molte aziende sono alla ricerca di risposte a domande quali: Come prevedere la domanda delle vendite on-line? Come gestire le scorte in questo caso? Quanti giorni di stock tenere in un centro di distribuzione? Dovremmo condividere lo stock tra i diversi canali?

E molte aziende cominciano ad affrontare la necessità di automatizzare il processo decisionale, spostando il ruolo del pianificatore per farlo diventare più produttivo. Alcune si stanno chiedendo perché hanno bisogno di eserciti di pianificatori. E se lo sforzo senza valore aggiunto non impedisca loro di raggiungere livelli più alti di maturità della pianificazione.

La buona notizia è che la maggior parte delle aziende del settore dispone già dei dati necessari per ottenere grandi miglioramenti nelle previsioni di vendita e nella pianificazione della supply chain. Semplicemente non dispongono dello strumento giusto. ToolsGroup aiuta le aziende di beni di consumo a ottenere dati utili, ripulendo il segnale dal rumore, per migliorare le previsioni di vendita, i livelli di scorte e di servizio.

  • Demand modeling migliora notevolmente le previsioni di vendita di articoli che si collocano nella cosiddetta coda lunga. Modelli probabilistici permettono di gestire la domanda intermittente e i fattori esterni che influenzano la domanda.
  • Machine learning e demand analytics modellano in maniera affidabile i dati marketing per generare previsioni di vendita sulla base dei vendite reali.
  • Demand sensing usa i dati del punto vendita o del canale per rilevare le variazioni a breve termine. È in grado di identificare fattori causali come promozioni, comportamento dei consumatori sui social media, e tendenze macroeconomiche che possono indicare in anticipo potenziali problemi.
  • Demand & supply collaboration permette la collaborazione in tempo reale tra gli attori interni all’azienda e i fornitori/distributori.
  • Ottimizzazione della supply chain e ottimizzazione delle scorte multilivello (Multi Echelon Inventory Optimization, MEIO) assicurano che il livello di servizio e la politica di stock di ogni prodotto permettano il livello di servizio ottimale in una rete multilivello.
  • S&OP bilancia la domanda e i riapprovvigionamenti nel rispetto del budget, identifica l’eventuale disallineamento tra costi e scorte e permette la generazione di scenari what-if in una catena distributiva complessa.

I nostri clienti nel settori dei beni di consumo ottengono tipicamente:

  • 10-20%riduzione dell’errore previsionale
  • 10-30%riduzione delle vendite perse
  • 10-30%riduzione dell’obsolescenza di prodotto

Soluzioni per il settore Consumer Goods:

CUSTOMER CASE STUDY

Granarolo

Il leader del settore lattiero-caseario Granarolo doveva gestire prodotti a shelf life breve con una fortissima pressione promozionale: migliaia di promozioni ogni anno, con 34.000 combinazioni articolo/promozione di cui prevedere la domanda, e picchi di domanda fino a 30 volte le vendite di base. La loro complessa rete di distribuzione (sei piattaforme logistiche, 35 depositi di transito e una grande flotta di centinaia di veicoli refrigerati) richiede una gestione ottimizzata delle scorte e la capacità di fornire risposte immediate per massimizzare i livelli di servizio al cliente nel rispetto di tutti i vincoli logistici.

Con ToolsGroup, Granarolo ha creato un piano di domanda e fornitura altamente affidabile per i prodotti deperibili. Alla base della soluzione c’è la possibilità di prevedere le promozioni e stimare correttamente i picchi di domanda. La soluzione di previsione delle promozioni commerciali di ToolsGroup adotta un motore di machine learning per prevedere automaticamente i picchi promozionali e suggerire livelli dinamici per lo stock di sicurezza con l’obiettivo di mantenere livelli di servizio elevati anche in presenza di domanda di mercato mutevole.

Granarolo ha migliorato l’affidabilità media delle previsioni di vendita dall’80 all’85 percento, aumentando le vendite. I livelli di scorte sono stati ridotti di oltre il 50%, dimezzando l’immobilizzo di capitale e i tempi di consegna. Riducendo i tempi di consegna, Granarolo ha anche aumentato in modo significativo la freschezza del prodotto (shelf life residua nei punti vendita) e ha ridotto al minimo l’obsolescenza. Granarolo ha ridotto i costi di trasporto derivanti dalla necessità di dover effettuare consegne urgenti.

  • 5ppMiglioramento dell’accuratezza del forecast
  • 50%Riduzione delle scorte

Potendo disporre di dati affidabili e aggiornati, gestiamo le scorte in maniera completamente differente e strutturata. I pianificatori trovano molto più soddisfacente e persino divertente lavorare con questi dati perché sanno che verranno utilizzati e avranno un risultato immediato. Inoltre, dato che non devono passare tutto il loro tempo a macinare manualmente i numeri, possono dedicarsi ad attività più importanti.
Erik Börtemark, Supply Chain Director, Findus Sweden AB

Risorse correlate